Oro 750, 18 K
Oro. Natura.
I gioielli della collezione Roots Collection sono realizzati completamente a mano utilizzando le materie prime più pure.
I metodi di misurazione del valore del gioiello che indossiamo o andremo a regalare e regalarci, ci aiutano capire la caratteristiche delle materie prime impiegate.
I fattori che determinano la stima del valore di un gioiello sono la purezza dell’oro, la qualità delle gemme e della manifattura.

Più l’oro è puro, più il gioiello acquista valore.

Il carato quantifica il gradi di preziosità dell’oro tramite il peso.
Oro 18 K è più prezioso di 14 K perché la concentrazione di oro purissimo contenuto è maggiore.
1 carato corrisponde a 0,2 grammi.
L’oro giallo 18 K è composto dal 75% di oro finissimo e il 25% di altri materiali (argento e rame). Il 24 K è oro puro al 100%

Le gemme, personalizzazione unica

La grandezza della gemma e la purezza del colore fanno sì che la pietra acquisti valore.
La grandezza di misura in carati: 1 carato = 0,2 grammi, il carato a sua volta è diviso in 100 punti, quindi se la gemma pesa 25 grammi, corrisponde ad un ¼ del carato: 0,25 K.

La storia del carato

Gli arabi, antico popolo dalle somme conoscenze, che hanno fatto del lusso e dello sfarzo loro regola di vita, hanno dato origine al metodo di misurazione del valore dei preziosi.
I semi della pianta di carrubo, in arabo qirat, con la loro forma perfetta e regolare costituivano un’unità quantificabile in ca. un 1/5 di grammo.
Ovviamente oggi, godiamo di metodi di misura destramente precisi e scientificamente provati.

C'è oro e ci sono molte perle, ma la cosa più preziosa sono le labbra istruite.
(Salomone)

WebDesign & Photos by Paolo Catuogno | Copyright © 2010 TriaSwiss GmbH | All Rights Reserved